Illusionista

L’illusionista, la vera figura del mago moderno

illusionista milano, mago moderno

Spesso in uno spettacolo di magia si sente: “Oh, ma come ha fatto?!” Queste sono le reazioni del pubblico quando vede un illusionista eseguire un po’ delle sue magie. Dai bambini agli adulti, nessuno è indifferente a un bel trucco di carte, o al classico trucco di far scomparire un oggetto, e poi, misteriosamente e magicamente, farlo apparire altrove, o nella tasca dell’amico vicino a noi.

Nel corso del tempo la figura dell’illusionista ha subito, ad esempio, mutazioni costanti, in parte grazie ai diversi progressi tecnologici. Ma l’illusionista è molto di più di quella figura che, magicamente, fa scomparire e apparire le cose e che ci lascia a bocca aperta. È molto di più di quella misteriosa figura che ci fa usare tutta la nostra capacità cerebrale per cercare di capire che cosa è successo, come l’illusione si è realizzata davanti ai nostri occhi.

Ogni illusionista ha la sua propria storia, le sue motivazioni e i suoi propri trucchi. A volte vediamo illusioni create da un illusionista professionale, che poi vengono migliorate da un altro. Tuttavia, l’illusionista usa anche la sua magia come forma di espressione. È essenziale che l’illusionista si esprima attraverso l’illusione; è un modo unico di raccontare la sua propria storia, le sue esperienze di vita, perché gli illusionisti non sono tutti uguali. L’illusionista non usa la sua magia solo per lavorare o per divertimento. C’è uno studio molto approfondito dietro ogni magia, di ciò che è possibile fare davanti a un pubblico, e in quasi tutti i casi, i trucchi eseguiti dall’illusionista si basano sulle sue esperienze, sui suoi oggetti personali o sulle situazioni della vita reale.

Ma come è nata questa bella forma d’arte e di espressione personale? L’illusionismo è un’arte antica, risalente al 2000 a.C., considerata una delle forme d’arte più antiche del mondo. Ci sono pervenute testimonianze, sotto forma di antichi papiri egiziani, delle imprese compiute da Dedi, un antico mago, per intrattenere la corte del faraone Cheope. Dedi passa alla storia come, probabilmente, uno dei primi maghi di cui ci sono giunte notizie.

Possiamo solo immaginare come potesse essere fare magie 4000 anni fa, senza l’aiuto di apparecchi progettati appositamente per l’illusione, o senza l’aiuto della tecnologia attuale. Sarebbe stato impossibile per Dedi, ai quei tempi, concepire trucchi come la scomparsa della Statua della Libertà, una delle meravigliose illusioni create dal noto maestro illusionista David Copperfield.

Possiamo anche immaginare quali sarebbero state le conseguenze per un mago, nell’antichità, se la sua performance non avesse intrattenuto il pubblico, o se le sue illusioni fossero state troppo estreme; sarebbe potuto persino venire considerato uno stregone, che usasse la magia nera, e dover pagare il prezzo di questa ignoranza, con la sua vita.

Oggi l’illusionista, il vero mago dei tempi moderni, ha la capacità di far sognare il pubblico, mentre questo è sveglio e vigile, portandolo in un mondo immaginario dove la fantasia diventa realtà, anche se solo per brevi momenti.

Per l’illusionista, non c’è sensazione migliore che entrare in scena, di fronte a un avido pubblico che attende di poter vedere che cosa sta per accadere, e che cerca di distinguere e capire che cosa sia scenografia o realtà, e fargli dimenticarsi per un attimo dalle preoccupazioni della vita quotidiana.

Il pubblico apprezza veramente il duro lavoro dell’illusionista, lavoro che lui senz’altro ha impiegato settimane o mesi a preparare, studiando e continuando a provare, ed è il pubblico a consegnargli il premio alla fine dello spettacolo con meritatissimi applausi.

Tuttavia, essere un illusionista, il mago dei tempi moderni, porta anche un grande svantaggio: a causa della complessità delle illusioni e di un pubblico che vuole sempre sapere come il trucco è stato eseguito, internet pullula di video e articoli che raccontano i segreti e come vengono eseguiti i numeri, o illusioni. In questo modo, il pubblico conosce la maggior parte dei principi illusionistici e, quindi, quando assiste alla performance di un illusionista, raramente il pubblico prova un senso di stupore, rendendo il lavoro dell’illusionista sempre più difficile, alla ricerca di sempre nuove e originali illusioni, per continuare ad attirare il pubblico.

L’illusionismo, o magia, non è un’arte che può essere considerata facile da trasmettere al pubblico, perché richiede molto più di una semplice esecuzione di meri trucchi o tecniche segrete. Alcune delle componenti più importante nel lavoro dell’illusionista sono la comunicazione con il pubblico, il modo personale dell’illusionista di stare in scena, e anche la scenografia adatta dello scenario da utilizzare. Queste sono solo alcune delle caratteristiche essenziali che definiscono un buon illusionista.

In termini di performance, la vera differenza tra trucchi e magia sta nel fatto che un buon illusionista rende la magia reale, a tal punto che il suo pubblico non cerca più l’artefatto, o l’espediente, usato nello numero, e non cerca nemmeno di risolvere il puzzle né di scoprire il mistero dietro la magia.

Un buon illusionista è molto più di questo. Il buon illusionista può usare tutte le sue capacità, dall’interazione con il pubblico alla creazione di esperienze uniche, e così il mago dei tempi moderni può affascinare il suo pubblico, che si dimentica del fatto che dietro ad una certa illusione c’è una spiegazione logica. Per raggiungere questo stato di atmosfera magica, ci vogliono anni di pratica e la realizzazione costante di spettacoli di magia, in modo che tutte le illusioni, e la loro presentazione, siano il più accurate e perfette possibile.

Per essere un buon illusionista è necessario, soprattutto, saper mantenere un segreto. L’illusionismo vive di segreti, della sensazione che sia successo qualcosa di incredibile e inspiegabile. Oltre all’essenziale appena citato, l’illusionista deve essere diverso e creare le proprie illusioni, per prendere le distanze dai classici trucchi conosciuti, dato che il pubblico, con gli attuali sviluppi tecnologici, è sempre più esigente.

L’illusionista ha bisogno di innovare e adattarsi costantemente. Il coniglio fuori dal cilindro è una cosa del passato. Non si deve pensare che essere un illusionista sia un lavoro facile. È essenziale essere versatili e studiare costantemente. Con tanta dedizione, impegno e volontà, è possibile diventare un illusionista professionista, il vero mago dei tempi moderni. È una strada lunga e faticosa, ma alla fine, essere un illusionista è, senza dubbio, una passione molto gratificante.

illusionista: mago illusionista crea effetti d'illusionismo.

Illusionista, la vera figura del Mago moderno:

La parola illusionista riporta subito alla mente i nomi di artisti noti, che con i loro spettacoli, hanno fatto la storia.
Se dovessimo stilare un elenco di illusionisti ancora oggi impressi nella memoria collettiva, a molti appassionati del genere verrebbero in mente i nomi di:
  • Harry Houdini, considerato a pieno titolo, il re delle evasioni.
  • Sr Harry Blackstone noto al pubblico del secolo scorso per il numero de “Il cavallo che scompare”
  • Howard Thurston, scapato giovanissimo con una compagnia circense, riuscì ad apprendere i trucchi dell’allora noto illusionista Alexander Hermann, rendendoli ancora più spettacolari
  • David Copperfield definito da Forbes come “il mago con più grande successo commerciale della storia” che, tra le varie imprese, è riuscito a far sparire la Statua della Libertà e un jet da sette tonnellate.
  • David Blane, 42 anni, originario di New York, prestigiatore e illusionista, è specializzato in numeri che richiedono parecchia resistenza fisica. Si è fatto, per esempio, seppellire sotto tre tonnellate e mezzo d’acqua e incastonare in un blocco di ghiaccio… e ne è uscito sempre illeso.
  • Criss Angel: anche lui newyorkese, famosissimo negli Stati Uniti per i suoi show televisivi, detiene diversi record mondiali, tra cui quello di “aver fatto sparire più persone”… tutte opportunamente ricomparse con uno schiocco di dita
  • Doug Henning specializzato in levitazione, ha anche prodotto gli effetti scenici per Michael Jackson e Earth, Wind and Fire.
  • Lance Burton: i suoi punti di forza sono velocità e precisione nell’esecuzione dei numeri. È stato l’illusionista più giovane ad aver mai ricevuto la Medaglia d’Eccellenza della Fratellanza Internazionale dei Maghi.
  • Dynamo: illusionista britannico, diventato famoso per il suo show televisivo Dynamo: Magician Impossible, in cui esegue abitualmente numeri per strada, lasciando il pubblico a bocca aperta
  • Cyril Takayama. Tra i suoi numeri più noti, vale la pena ricordare la testa tagliata, la carta che passa attraverso la finestra e l’hamburger che esce fuori dal menu.
Illusionista: la magia dello spettacolo e il trucco creano l'illusione
Quelli appena elencati, sono personaggi del passato e di oggi, i cui nomi sono legati inevitabilmente ad imprese spettacolari. L’illusionista, però non è solamente colui che si fa ricordare per il fatto di aver compiuto dei veri e propri prodigi.
L’illusionismo è un’arte solitamente eseguita come forma di spettacolo, di intrattenimento dove l’artista crea effetti apparentemente magici usando trucchi che possono essere fisici, psicologici, oppure, il più delle volte, il trucco sta nell’abilità di mani del prestigiatore.
In generale, il compito dell’illusionista è quello di creare l’illusione di un accadimento magico nella mente dello spettatore. Lo scopo è di intrattenere lo spettatore generando un sentimento di meraviglia. Ne consegue che il suo intervento, molto spesso, è richiesto per animare eventi privati, aziendali, teatrali o anche pubblici.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Fill out this field
Fill out this field
Please enter a valid email address.
You need to agree with the terms to proceed

Menu